Webtudordimatematica

Numeri complessi

Category

Tag

Studenti

Livello difficoltà

I numeri complessi vengono inventati dai matematici greci per far fronte a problemi irrisolvibili nell'insieme dei numeri reali. La prima domanda che questi si posero fu:

"Esiste un numero che moltiplicato per se stesso dà -1?"

In altre parole, essi si posero il problema di trovare quel numero che elevato al quadrato ritornasse -1. Questo è chiaramente assurdo nell'insieme dei numeri reali in quanto, in $\mathbb{R}$, una quantità elevata al quadrato ritorna sempre un numero maggiore o uguale a 0. Questa limitazione è data dall'impossibilità di poter estrarre la radice quadrata di un numero negativo. Infatti, se tale numero esistesse, si otterrebbe:

$$x^2=-1\ \Rightarrow\ x=\pm\sqrt{-1}$$ 

Il matematico greco Diofanto, vissuto nel II secolo d.C. si imbatté per primo in tale problema dovendo determinare i lati di un triangolo rettangolo avente perimetro 12 e area 7. Tale problema portava alla risoluzione dell'equazione

$$6x^2-43x+84=0$$

con $x$ un lato del triangolo. Nella suddetta equazione troviamo soluzioni che contengono radice quadrata di -1 (verifica tu stesso che il suo delta è negativo).

Il problema di non poter risolvere equazioni a coefficienti razionali nel campo dei numeri reali (come quella appena vista) spinse matematici come Bombelli, Tartaglia e Cardano a estendere tale insieme introducendo l'unità immaginaria $i$ di cui parleremo più approfonditamente qui. Il nuovo insieme così formato venne chiamato insieme dei numeri complessi e si denotò con il simbolo $\mathbb{C}$. L'estensione dell'insieme dei numeri reali ha così permesso di dimostrare il Teorema Fondamentale dell'algebra secondo cui qualsiasi polinomio è scomponibile nell'insieme $\mathbb{C}$: questo rappresenta un importante risultato della matematica in quanto ci assicura sempre l'esistenza di soluzione/i di equazione/i.

Qui sotto proponiamo delle lezioni specifiche in cui vedremo come graficare i numeri complessi sul piano di Argand-Gauss. In seguito definiremo le operazioni di somma, sottrazione, moltiplicazione e divisione tra numeri complessi in forma algebrica. Illustreremo le altre due forme con cui è possibile esprimere i numeri complessi, ossia quella trigonometrica ed esponenziale. Parleremo di estrazione di radici $n$-esime di un numero complesso e risolveremo equazioni con i numeri complessi.

Se conosci già la teoria dei numeri complessi, salta direttamente agli esercizi cliccando nel bottone blu qui sotto.

Vai agli esercizi

Numeri complessi

Forma trigonometrica

Gratuito
Gratuito
Numeri complessi

Forma esponenziale

Gratuito
Gratuito
Il quaderno degli appunti
Trigonometria

Teorema della corda, teorema delle proiezioni, teorema dei seni e dei coseni

Teorema della corda La misura di una corda di una circonferenza è uguale al prodotto tra la misura del diametro ed il seno di uno qualunque degli ang
Trigonometria

Teoremi relativi al triangolo rettangolo

Dato un triangolo rettangolo $ABC$, i valori dei cateti possono venir determinati mediante la misure dell'angolo acuto $\beta$ e dell'ipotenusa $c$.
Algebra di base

Radici algebriche

Esaminiamo il seguente problema: qual è il numero positivo che elevato al quadrato dà 9? Consideriamo di nuovo lo stesso problema, però nel campo d